icon
NOVITA’ SUL SISTEMA DEI CONTROLLI NEGLI INTERVENTI DI RETINA E GLAUCOMA: LA REGIONE LAZIO APPROVA IL DECRETO 40/2012

Con l’approvazione del Decreto 40 del 2012 DCA n. 58/2009: in tema di "Sistema dei controlli dell'attività sanitaria ospedaliera e specialistica – L.133/08, art.79, comma1 septies” , la Regione Lazio introduce degli aggiornamenti alla metodologia APPRO 3 ( valutazione dell’appropriatezza organizzativa dell’ospedale per acuti, basata sull’analisi degli archivi informatici delle dimissioni e sul calcolo di soglie di ammissibilità di ricoveri ordinari).

La APPRO 3, attualmente, consente di monitorare l’appropriatezza e la qualità delle prestazioni erogate ai pazienti in regime di ricovero, sia in rapporto alle loro caratteristiche clinico -assistenziali, sia in relazione ai costi dell’assistenza, al fine di individuare le prestazioni ad alto rischio di inappropriatezza che, se erogate in regime di ricovero ordinario, potranno essere progressivamente trasferite ad un diverso livello assistenziale, quale il Day Hospital oppure la specialistica ambulatoriale.

L’aggiornamento è stato introdotto tenendo conto delle eccezioni indicate nel Patto della Salute 2010-12.

In considerazione della possibile concomitanza tra procedura chirurgica complessa e condizioni cliniche del paziente sono, inoltre, esclusi dalla valutazione con metodo APPRO i ricoveri per patologia retinica (DRG 036 – Interventi sulla Retina) limitatamente alle categorie ICD-9-CM 361_, 362_ solo se associate al codice di procedura ICD-9-CM 14.41 “Piombaggio sclerale con impianto" e i ricoveri per glaucoma ( DRG 042 -Interventi sulle strutture intraoculari eccetto retina, iride e cristallino ) con codice di diagnosi afferente alla categoria ICD - 9- CM 365_ e uno dei seguenti codici di procedura ICD -9-CM: 12.64 "Trabeculectomia ab externo"; 12.65 "Altra fistolizzazione sclerale con iridectomia"; 12.69 "Altri interventi di fistolizzazione della sclera".

In sostanza sui ricoveri così identificati ed esclusi dalla valutazione con il metodo APPRO, verranno effettuati solo controlli analitici mirati sulle cartelle cliniche, estendibili al 100% della casistica, in considerazione della erogabilità delle suddette procedure in regime di ricovero diurno (Accordo tra il Ministro della Salute e le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e Bolzano di approvazione delle linee guida per le attività di day-surgery).

In termini non tecnici, tutto questo significa che le prestazioni oculistiche su specificate verranno valutate dalla Regione Lazio solo sull’esame specifico delle singole cartelle cliniche che dovranno quindi essere compilate il più approfonditamente possibile. Qualora le cartelle dovessero essere sottoposte a verifica dovranno comunque rispondere ai criteri di appropriatezza del manuale PRUO ( Protocollo di revisione dell’utilizzo dell’ospedale attraverso la documentazione presente in cartella clinica).

In caso di inappropriatezza la Regione Lazio potrà decurtare il DRG ma tali cartelle non rientreranno comunque nei LEA.

L’iter di questo decreto è stato seguito e concordato con la Regione Lazio da Scipione Rossi e da Carlo Maria Villani.

Il segretario Generale
Matteo Piovella
Il Presidente
Carlo Maria Villani




[BACK]